l’Arbitro, Lando Buzzanca, Joan Collins, Giorgio Chinaglia, Bruno Pizzul, Nicolò Carosio, e….la Ternana

0
667
”Pubblicita”

Che fanno tutti insieme Lando Buzzanca, l’attore sciupafemmine, il merlo maschio degli anni 1970, il bomber della Lazio Giorgio Chinaglia, i telecronisti Bruno Pizzul e Nicolò Carosio, insieme alla diva di Hollywood Joan Collins, l’indimenticabile attrice delle serie Tv ”Starsky and Hutch” e ”Dynasty”? Semplice parteciparono ad una commedia calcistica, girata in parte a Terni.

Proprio così, qui a Terni, per omaggiare il ritorno della Ternana in serie A, venne realizzata una commedia cinematografica, che divenne, in seguito al successo avuto ai botteghini,  un film classico della comicità italiana, che aveva come protagonista l’arbitro Carmelo Lo Cascio (interpretato da Lando Buzzanca), il quale con metodi autoritari (e molto spesso ridicoli), cerca la notorietà, sia nei campionati italiani, che in quelli internazionali, ma spesso e volentieri, rimedia invece numerose figuracce, e che, nella vita di tutti i giorni, si ritrova a dividere, in maniera grottesca, sia la moglie che l’amante, quest’ultima interpretata dalla diva di Hollywood Joan Collins, che durante il film rimase incantata dalla bellezza del paesaggio umbro.

Proprio qui in Umbria, a Terni, venne girato uno degli episodi più spassosi del film:

L’arbitro Lo Cascio, viene mandato nello stadio di Terni per dirigere Ternana-Spal di serie A, ma un arbitraggio disastroso, scatena le ire del pubblico ternano, che invade il campo per linciarlo, e solo l’intervento dei carabinieri e dei poliziotti, gli evita il peggio. Ma il peggio viene evitato momentaneamente, poiché, nonostante i carabinieri lo mascherano da tifoso della Ternana, per evitare altre aggressioni fuori lo stadio, un poliziotto, con l’accento Ternano, e di conseguenza tifoso della Ternana, lo riconosce e lo picchia brutalmente. Il film ebbe poi la colonna sonora cantata in inglese, dal calciatore della Lazio e campione d’Italia Giorgio Chinaglia, con il titolo di ”I’m football crazy”, e fu un omaggio al tifo ternano di quegli anni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here