Quando Maradona incontrò le Fere per beneficenza

0
990
”Pubblicita”

Era il 1989, quel 1989 che portò alla vittoria la Ternana sul neutro di Cesena, e che portò sempre bene alle Fere, ma in un altro ambito. Il cuore grande dei Ternani di quegli anni, venne premiato infatti con un grande evento sportivo, un amichevole tra la Ternana e la Nazionale Argentina campione del mondo in carica. Come già successo per il popolo cileno, Terni decise di organizzare un evento benefico a favore dei bambini ricoverati negli Ospedale di Terni, Roma e Buenos Aires, sia per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie dell’infanzia, sia per aiutare lo stato argentino, che usciva stremato ed affamato dalla crisi economica dopo la guerra delle Falkland Malvinas, e che doveva affrontare il ritorno alla democrazia, dopo sette anni dittatura militare. Paradossalmente, mentre la Nazionale Italiana, che venne inizialmente scelta per l’evento benefico,  snobbò l’avvenimento (eccetto il portiere Stefano Tacconi seriamente impegnato nel volontariato), dall’Argentina arrivarono tutti gli assi della Nazionale campione del mondo in carica, compresi Pumpido e Valdano, che all’epoca giocavano nel Real Madrid e nel Siviglia, e che pur di essere presenti a tutti i costi, presero tre voli aerei a disposizione dalla Spagna all’Italia. Maradona, d’accordo con il portiere umbro Stefano Tacconi, per non far rimandare l’evento, decise di far scendere in campo la Ternana, che affrontò l’amichevole contro l’Argentina campione del mondo, la partita finì, naturalmente 7-2 per l’Argentina campione del mondo, ma ci furono, applausi da parte del pubblico Argentino sia per la generosità che per la serietà del pubblico Ternano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here